Gli uomini di Fabricio Santos reagiscono in maniera veemente al doppio vantaggio di Terracina dopo tanto equilibrio. Gol di Palmacci ma era Fabio Sciaccaa cambiare la gara con il gol e il rigore procurator. Agli extra time le due perle di Zurlo e Catarino.

Ancora tu Domusbet Catania, ancora immensamente grande e con un cuore immenso. L’ostacolo superato chiamato Terracina con la voglia di credere sempre, di non mollare. Nonostante ogni avversità anche quando il cronometro inesorabilmente scandiva il vantaggio di Terracina per 1-3. Ma la zona Domsubet Catania veniva fuori ancora una volta, come contro Napoli, materializzando l’apoteosi nei tempi supplementari.

El Clasico pronto ad incantare nuovamente la sabbia. La storia che torna a scolpire un nuovo capitolo. El Clasico che per il beachsoccer ha un solo nome anzi due Domusbet Catania e Terracina nuovamente di fronte, nuovamente a contendersi la Coppa Italia come lo scorso anno.
Sfida numero 31 tra rossazzurri e biancoazzurri non servono bilanci i trofei parlano per entrambe 9 per la Domusbet Catania, 9 per Terracina. Oggi nuovamente a contendersi un trofeo, la nona volta contro.
L’ostico modulo 2-2 dei giovani pontini di D’Amico guidati dall’esperienza di Eliott e Carotenuto e l’essere squadra, tosta e con grande individualità deli etnei.

Una Coppa Italia ancora tra le mani della Domusbet Catania che alza ancora il trofeo al cielo dopo una partita pazzesca, ancora in rimonta e vinta al supplementare grazie a due gol da urlo di Zurlo e Catarino. Un 5-3 finale figlio però di una battaglia sportiva sul campo, un clima da assurdo tra freddo e pioggia copiosa a rendere il terreno di gioco duro e difficile. Terracina avversario ostico che era riuscito a quattro dalla fine ad avere un vantaggio di due reti. Palmacci riusciva a riaprire il match, ma Terracina metteva l’1-3: così ecco la mossa di Fabricio Santos, Fabio Sciacca che cambiava l’inerzia della gara: l’ex giocatore del Catania prima con un movimento dei suoi realizzava la rete del 2-3 riaprendo i giochi e subito dopo a uno dalla fine si procurava il rigore poi trasformato da bomber Zurlo per il 3-3. Nei secondi finali il gol sfiorato vittoria di Catarino ma soprattutto le due super parate di Andrade a blindare l’extra time. Nei tre minuti la svolta: prima la rovesciata perfetta di Zurlo del sorpasso, poi il colpo del fenomeno Catarino doppio dribbling e palla nel set che tagliava le gambe a Terracina. Il finale è solo apoteosi e Coppa Italia alzata al cielo. Gioia immensa e Domsubet Catania che conquista il decimo trofeo della sua storia, la quarta Coppa Italia, seconda consecutiva, ma soprattutto diventa la società italiana più titolata del beach soccer.

Di seguito il tabellino

TERRACINA-DOMUSBET CATANIA 3-5 det (0-0; 1-0; 2-3;0-2)

Terracina: Eliott, Monti, Olleia, Ilardo, Duarte, Alla, Dmais, Carotenuto,Frainetti (Cap.), Mucciarelli, Costa, Giordani. All: Angelo D’Amico

Domsubet Catania: Andrade, Paterniti, Corosiniti, Chiavaro, Sciacca, Palmacci, Fred (Cap.),Palazzolo, Catarino, Concorso, Zurlo, Eudin. All: Fabricio Santos

Arbitri: Pizzol d San Donà di Piave, Lattanzio di Collegno e Pavone diForlì

Reti: 10’st Dmais (T), 3’tt Frainetti (T), 6’tt Palmacci (C), 8’tt Duarte (T),9’tt Sciacca (C), 10’tt rig. Zurlo (C); 2’et Zurlo (C), 3’et Catarino (C)

Ammoniti: Corosiniti, Zurlo (C), Frainetti (T)

Espulso: al 10’tt Angelo D’Amico (T)

Default Comments (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.